Sentite condoglianze all’Art.18

3 Giugno 2013
ROMA / 12-03-2010
 

 

Video importato

YouTube Video

 

 

 

 

 

LE PIAZZE DELLA LIBERTA’, SCIOPERO GENERALE CGIL / Italia, crisi, articolo 18: sciopero generale CGIL

 

 

 

 

CGIL, ultime notizie sciopero generale CGIL: l’Italia si ferma per la libertà - Oggi, venerdì 12 marzo 2010, mezza Italia si ferma. Lavoro, Fisco, Occupazione: Cambiare si può. Questo è scritto sul manifesto che annuncia lo sciopero generale e le manifestazioni nelle piazze italiane. Sciopero generale indetto in Italia dalla Cgil e che riguarderà tra l’altro anche tutti i settori del pubblico impiego, trasporti compresi.
Stop quindi, negli orari previsti, anche per treni, bus, tram, navi, aerei.

Lo sciopero di venerdì riguarda non solo la gravissima crisi economica che  sta attanagliando l’Italia, ma rappresenta anche una forte protesta dopo la decisione del Governo di modificare l’art 18 della Costituzione italiana, quello che impone l’obbligo della riassunzione per il lavoratore licenziato ingiustamente.

Video importato

YouTube Video
 
 

 

 

IN PIAZZA PER LA LIBERTA’
Dal fisco alla truffa dell’arbitrato, dalle pensioni al bavaglio all’informazione, dall’occupazione al rispetto della Costituzione: i lavoratori vogliono dire la loro. Grave, ma poco lungimirante la sordina dei grandi media sullo sciopero del 12 marzo.
Ecco cosa scrive Paolo Serventi Longhi: ” Cosa sanno i cittadini italiani dello sciopero generale del 12 marzo? Probabilmente poco. A parte quale rara e lodevole eccezione, i grandi media italiani, alla vigilia della grande manifestazione di protesta nazionale indetta dalla più importante confederazione sindacale, non conoscono né le modalità né le ragioni dell’astensione dal lavoro e delle tante manifestazioni previste in tutta Italia.

 

 

Video importato

YouTube Video

Video importato

YouTube Video

Di particolare gravità è la pressoché totale assenza di notizie sullo sciopero nei notiziari radiofonici e televisivi della Rai, ma anche le reti e i tg di Mediaset, la 7 e Sky hanno nascosto l’evento.

Certo, milioni di lavoratrici e di lavoratori sono stati raggiunti da una comunicazione capillare attraverso i media del sistema Cgil (Rassegna, Rassegna.it, RadioArticolo1, il portale Cgil) oppure attraverso i volantini e le informazioni diffuse dalle strutture di base, territoriali e di categoria della confederazione.
D’altra parte, la vulgata governativa del “tutto va bene madama la marchesa” determina una progressiva scomparsa dell’insieme dei problemi del lavoro, dalla disoccupazione dilagante alla sicurezza.

Come ha detto nei giorni scorsi il segretario confederale Fulvio Fammoni, è pertanto giusto che anche le distorsioni del sistema della comunicazione italiana, nella maggioranza asservito al potere del premier e della sua maggioranza, siano al centro dello sciopero generale.

Non è un caso che alcune manifestazioni sindacali sfiorino le sedi Rai, come accadrà a Roma dove la manifestazione cittadina per l’occupazione ed un fisco giusto si conclude davanti alla sede della presidenza e della direzione generale del servizio pubblico.

Sono tanti i motivi per i quali molta gente si sta mobilitando, a partire dalla difesa della Costituzione e delle regole, e tra questi non può non esservi il sacrosanto diritto dei cittadini ad una informazione corretta e plurale.

Ben altra cosa rispetto ai “minzolinismi” di turno! ”

 

 

Lavoro: dubbi di Napolitano a rischio firma legge anti-art.18(Repubblica)

Video importato

YouTube Video

LUNEDI’ 15 MARZO 2010

(Il Sole 24 Ore Radiocor) – , 15 mar – Il , , “sta meditando seriamente di rinviare alle Camere una delle ultime leggi volute dal Governo. Si tratta del famigerato Ddl 1167-B, quello che introduce la possibilita’ preventiva di ricorrere all’arbitrato, invece che al giudice, in caso di controversie di lavoro”. Lo scrive “la Repubblica” spiegando che il Quirinale sta studiando il testo ma l’orientamento e’ di non firmarlo e rinviarlo alle Camere “con messaggio motivato per una nuova deliberazione”.

I commenti sono chiusi.